Mi chiamo NO!

Mi chiamo NO!
20 Feb

Mi Chiamo No!

Ma davvero non si può o non si deve dire: «No!» al nostro cane!?

Realmente cambia qualcosa se lo sostituiamo con: «Ah, ah!» oppure: «Eh,eh!»?

E se invece provassimo a pensare che l’uso continuato e improprio dei segnali di errori, indipendentemente da quale si scelga di utilizzare, provochi nel cane frustrazione e conseguente indifferenza al segnale stesso?

Chi mi consoce sa bene della mia convinzione che non esista un metodo universale, funzionale nell’educazione del cane e sa anche quanto io sia consapevole che, quanto affermo, sia solo una delle tante voci che orbitano nel contrastante e agguerrito mondo della cinofilia. Ho sempre cercato di agire con Buon Senso mettendo in discussione tutte le “verità/esagerazioni/assolutismi” che negli anni hanno tentato di affermarsi in questo settore.

Read more

Psicologia e Cinofilia: osmosi tra due professioni

Psicologia e Cinofilia: osmosi tra due professioni
06 Mag

LA PSICOLOGIA DELL’ETÀ EVOLUTIVA INCONTRA LA CINOFILIA:

consapevolezza psicofisiologica e legame di attaccamento

 

by Elena Shumilova
by Elena Shumilova

di Tiziana Franceschini

 

Introduzione

Nel 2007, quando Riccardo Totino mi ha proposto di insegnare psicologia generale agli educatori cinofili, ho accolto l’idea come una sfida aperta. Come era possibile trasporre le mie conoscenze in un ambito così diverso, un contesto di lavoro a me sconosciuto? Le uniche certezze che avevo erano due: il fatto che se la teoria dell’attaccamento era nata in ambito etologico forse mi poteva essere di aiuto e la certezza di aver condiviso diversi anni della mia vita con un cane. Spinta dalla voglia di accettare questa sfida professionale, resisto alla tentazione di stilare subito un programma delle lezioni e chiedo a Riccardo di passare un po’ di tempo con lui per vederlo lavorare. Osservo come riceve e ascolta le persone, come si relaziona a loro e ai loro cani e dopo ogni incontro rimaniamo a parlare.

Read more

06 Mag

LA PSICOLOGIA DELL’ETA’ EVOLUTIVA INCONTRA LA CINOFILIA Parte 3

LA PSICOLOGIA DELL’ETA’ EVOLUTIVA INCONTRA LA CINOFILIA:

consapevolezza psicofisiologica e legame di attaccamento

ph Elena Shumilova
by Elena Shumilova

di Tiziana Franceschini

Leggi la seconda parte                                                                               Leggi l’articolo completo

Parte III

La consapevolezza psicofisiologica per l’osservazione dei modelli di attaccamento

Se è vero che lo studio dell’attaccamento è fondamentale per chi svolge una professione di aiuto, non si deve correre nell’errore di pensare agli educatori cinofili come a un esercito di  psicologi allo sbaraglio. Quello che credo sia utile è fare un passo indietro e riferire il discorso non tanto alla relazione di aiuto, quanto all’osservazione di noi stessi. Spesso consiglio ai nostri allievi di mettere alla prova l’utilità della teoria dell’attaccamento pensando al rapporto con il proprio cane (la stragrande maggioranza degli aspiranti educatori ne ha almeno uno).

Read more

28 Apr

LA PSICOLOGIA DELL’ETA’ EVOLUTIVA INCONTRA LA CINOFILIA Parte 2

LA PSICOLOGIA DELL’ETA’ EVOLUTIVA INCONTRA LA CINOFILIA:

consapevolezza psicofisiologica e legame di attaccamento

Elena Shumilova 2
by Elena Shumilova

 

di Tiziana Franceschini

 Leggi la prima parte                                                                                             Leggi l’articolo completo

Parte II

Dal problema alla relazione di attaccamento

Avendo come riferimento la teoria dell’attaccamento, la nostra attenzione nel lavorare come educatori si sposta dal comportamento problematico alla relazione. Fermo restando che questa chiave di lettura può non essere adottabile in tutti i casi, è comune osservare la perplessità dei clienti quando il discorso passa dal problema segnalato al loro comportamento e, passo ancora più delicato, alle loro emozioni. In psicologia questo slittamento di prospettiva viene chiamato ridefinizione della domanda di aiuto e rappresenta un punto di svolta in cui è molto facile mettere a repentaglio la relazione con il cliente.

Read more

09 Apr

LA PSICOLOGIA DELL’ETA’ EVOLUTIVA INCONTRA LA CINOFILIA Parte 1

LA PSICOLOGIA DELL’ETA’ EVOLUTIVA INCONTRA LA CINOFILIA:

consapevolezza psicofisiologica e legame di attaccamento 

Elena Shumilova 4
by Elena Shumilova

di Tiziana Franceschini

Leggi l’articolo completo

Parte I

 

Introduzione

Nel 2007, quando Riccardo Totino mi ha proposto di insegnare psicologia generale agli educatori cinofili, ho accolto l’idea come una sfida aperta. Come era possibile trasporre le mie conoscenze in un ambito così diverso, un contesto di lavoro a me sconosciuto? Le uniche certezze che avevo erano due:

Read more

Collare e dintorni (Intervista a Walter)

Collare e dintorni (Intervista a Walter)
03 Feb

di Riccardo Totino

Mi chiedo continuamente cosa c’è che non mi torna nella guerra collare Vs pettorina. Di risposte ne ho già tante ma in realtà, se ci penso bene, la risposta è che tutti hanno ragione. I collari hanno dei vantaggi, le pettorine ne hanno altri.  E una discriminante netta, se fosse in grado di darla, ce la potrebbe dare solo il singolo cane. Così ho immaginato una ricerca su un campione di 50 cani tra meticci e razze più comuni in cui abbiamo posto due domande. I cani hanno risposto nel seguente modo:

  1. Preferisci girare col collare o con la pettorina?

l’ 80% ha risposto che preferirebbe girare libero, ma quando gli abbiamo spiegato che è vietato e dovevano scegliere tra queste due soluzioni si è delineato quest’altro risultato,

Read more

12 Gen

Branco o Famiglia mista? (parte 2)

DSC_7886 copia copiadi Riccardo Totino

Parte 1

La comunicazione 

All’inizio di questa discussione ho scritto che questo è il risultato di vent’anni di lavoro improntato sul rapporto tra le due specie e non sulle performance del cane: competitivo, prestante, robotizzato ecc. Per me il cane deve potersi comportare liberamente e nel rispetto delle regole che la società ci suggerisce. Fraintendendo si potrebbe pensare che io sia contrario alle attività sportive. Assolutamente no! Trovo invece molto bello questo modo di impegnare il cane: ho visto cani e proprietari divertirsi tantissimo durante gli allenamenti e questo è il mio obiettivo. In fondo le attività sportive sono (passatemi il termine) un surrogato di attività comuni della vita del cane. Non le amo quando sono portate oltre il limite, così come non amo le selezioni che trasformano questo animale in una macchina perfetta per mettere in atto attività molto lontane dalla sua natura o in improbabili combinazioni che esaltano alcune caratteristiche morfologiche fino a rasentare la mostruosità. Ma questa è solo una mia personale opinione su ciò che mi piace e quello che non mi piace e non su ciò che è giusto o sbagliato.

Read more

16 Ott

Branco o Famiglia mista? (Parte 1)

Maxi-in-famiglia-I

di Riccardo Totino

Ho sostenuto per molti anni l’ipotesi del “branco misto” e la teoria sulla gerarchia di dominanza, ma nel tempo ho messo a punto un approccio completamento diverso. Ho iniziato a mettere sullo stesso piano le numerosissime e diversissime esigenze dei proprietari con quelle dei cani e ne è venuto fuori un “modo di lavorare” degno di essere considerato interessante. Una visione un po’ fuori dalle righe del rapporto uomo-cane.

L’obiettivo è una guida fruibile per colleghi e proprietari, basata su un’idea relativa all’educazione del cane nel contesto urbano che tenga presente contemporaneamente i bisogni del proprietario e quelli del cane:

Read more

Aspettative e Schemi

Aspettative e Schemi
16 Set

di Riccardo Totino

Negli ultimi anni mi accorgo sempre di più che si sta scatenando una vera e propria guerra psicologica nei confronti dei proprietari dei cani. La frase: «non esistono cani cattivi, esistono solo cattivi proprietari» è ormai diventata un luogo comune e cioè  è largamente diffusa ma non è necessariamente vera. Esistono cani difficili, proprietari difficili, educatori difficili. Spesso vengono da me persone già “bastonate” da altri colleghi che sostenevano la loro incapacità di gestire il proprio cane. Ma come si può pensare di rendere una persona autorevole se viene regolarmente umiliata da colui a cui si è rivolta per chiedere aiuto?

Read more

04 Set

È impossibile camminare sul marciapiede col mio cane

Salve,
vorrei un consiglio per insegnare alla mia Margot, splendido setter irlandese di quasi due anni, ad andare in condotta senza guinzaglio. Le vorrei sottolineare però che la ragazza è già andata a scuola di obbedienza ottenendo ottimi risultati, tanto che quando usciamo per la passeggiata finché rimane al guinzaglio riesco a ‘domarla’; nel momento in cui la libero si scatena un vari zig zag e si allontana da me non ascoltando più alcun comando e dando sfogo alle sue caratteristiche venatorie.

Read more